Logo Regione Autonoma della Sardegna
SISTEMA SANITARIO DELLA SARDEGNA
sardegnasalute  ›  notizie  ›  archivio notizie  ›  la conferenza regionale sulla non autosufficienza

La conferenza regionale sulla non autosufficienza

Installa il plug-in per visualizzare il video
CAGLIARI, 2 OTTOBRE 2007 - Si è svolta a Paulilatino la prima conferenza regionale sulla non autosufficienza alla quale hanno partecipato il ministro della Solidarietà Sociale Paolo Ferrero, il presidente della Regione Renato Soru, l'assessore della Sanità e delle Politiche Sociali Nerina Dirindin, i rappresentanti Anci, le organizzazioni sindacali, il mondo del volontariato e del Terzo settore.
"Questa prima conferenza - ha detto l'Assessore della Sanità, Nerina Dirindin nel corso del suo intervento – ci serve per fare il punto sulle iniziative in corso e su quelle da avviare. È l'occasione per un confronto con tutti i soggetti interessati alle politiche per la non autosufficienza e per coinvolgere le comunità locali e le istituzioni. Gli interventi della Regione - ha spiegato ancora l'Assessore – mirano ad assicurare risposte assistenziali alle persone in condizioni di bisogno, a creare opportunità di lavoro diffuso e regolare, a promuovere il valore sociale del lavoro di cura".
La Regione ha istituito, con la Finanziaria 2007, il Fondo regionale per la Non autosufficienza, con uno stanziamento di 120 milioni per potenziare le cure domiciliari, sostenere le famiglie nell'assistenza a disabili e anziani, mettere in atto interventi immediati per persone che si trovano in condizioni di disabilità improvvisa per malattia o traumi.
Tra i programmi di intervento finanziati con il Fondo per la non autosufficienza ci sono "Ritornare a casa" (5 milioni di euro), la Legge 162 (36 milioni), il potenziamento dell'assistenza domiciliare (25 milioni), interventi per le badanti (6 milioni e 700mila euro). A questi vanno aggiunti i 9 milioni per i servizi residenziali e semi-residenziali, 38 milioni per le leggi di settore e i 9 milioni e 500mila euro per il Bando per domotica, che prevede interventi per migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità con strumentazioni tecnologiche e informatiche, ausili e attrezzature che rendano più fruibili le abitazioni.

L'Assessore Dirindin ha ricordato inoltre gli interventi messi in atto dopo l'istituzione del Fondo: i 6 milioni stanziati a luglio per i disabili gravi, gli 8 milioni per interventi immediati a favore di disabili temporanei (agosto 2007) e gli 8 milioni e 500mila euro per l'assistenza a persone con demenza e alle loro famiglie, per le quote sociali e per il programma sulle badanti.


Consulta gli allegati
- Programma della conferenza [file.pdf]
- Presentazione [file.pdf]